Il Distretto del Cappello

Il ‘distretto del cappello’ più famoso al mondo e che vanta ben due secoli di storia è a Montappone, nelle Marche, tra dolci colline e borghi medievali su un colle della provincia di Fermo, a meno di un’ora di macchina sia dal Mar Adriatico che dai Monti Sibillini.

Tutto ha origine dalla cultura contadina, che utilizzava ciò che la natura offriva senza sprechi, che si guadagnava da vivere utilizzando fino all’ultimo filo di paglia, fino all’ultima luce del giorno, senza smettere di sognare e di inventare qualcosa di nuovo per migliorare, sempre nel rispetto della natura.

Questa dedizione al lavoro e questa antica tradizione di intrecciare la paglia, nel tempo si è poi evoluta nell’arte della lavorazione dei capelli in paglia e si è poi diversificata utilizzando altri materiali naturali come lana, feltro, canapa, silis, tessuto, dando continuità alla tradizione e alla creatività.

Oggi questa memoria storica è custodita nel Museo del Cappello, che custodisce materiali e manufatti d’epoca e conserva anche l’ultimo cappello indossato dal regista Federico Fellini. La produzione di copricapi a Montappone è una vera e propria forma d’arte.

I copricapo hanno assunto nel tempo diversi ruoli: l’uso gestuale del per esprimere il proprio saluto, il desiderio di sottolineare la propria appartenenza ad un popolo ed ad una cultura, la voglia di nascondersi, sedurre o di mettersi in mostra, la volontà di esprimere il proprio status.

Per questo le creazioni artigianali di Di Chiara Rosa sono uniche e realizzate su misura in base alle esigenze o alla personalità dei propri clienti, mantenendo un filo comune: l’accuratezza delle lavorazioni e la scelta di materiali pregiati che ne caratterizzano la qualità.